“Uno sguardo ti cambia la vita”. Intervista a don Claudio Burgio e a Daniel, Comunità Kayros

IMG_9416

Don Claudio Burgio e Daniel – Foto: Monica Romei

Ragazzi ribelli, devianti, ragazzi di strada, bulli, delinquenti. Per don Claudio Burgio semplicemente ragazzi. Ragazzi a cui ha donato la sua vita: a partire dal 1996, quando ha fatto ingresso per la prima volta al Carcere minorile Beccaria di Milano. Per poi arrivare a fondare, nel 2000, l’associazione Kayros che gestisce servizi di accoglienza per minorenni e neomaggiorenni in difficoltà.

Incontriamo don Claudio lo scorso 10 marzo a Bologna, durante l’assemblea nazionale dei soci di Agevolando.

Com’è stato il tuo primo impatto con il mondo dei ragazzi del Beccaria?

Un impatto ovviamente difficile, perché ogni incontro contiene il prefisso “in” per indicare lo stare insieme, la condivisione ma c’è anche un “contro”. Il primo messaggio che i ragazzi mi rivolgono è quasi sempre una provocazione. Ma non dimentichiamo che nella parola provocazione c’è anche l’idea di vocazione, di chiamata. Una chiamata “pro” e quindi a vantaggio di. Con le loro parole dure e i loro comportamenti difficili, i ragazzi che ogni giorno incontro mi provocano ma al tempo stesso mi chiamano, cercano una relazione. L’importante è andare oltre quell’atteggiamento, quel primo impatto.

Qual è la filosofia delle comunità di accoglienza Kayros che tu hai fondato?

Il nostro tentativo è quello di puntare più sulla libertà che sulle regole. Una scommessa che ovviamente non sempre riesce… Ma vorremmo offrire ai ragazzi la possibilità di scommettere sul proprio talento e allargare il loro orizzonte, lo spazio delle possibilità. I ragazzi non rimarranno in comunità per sempre, la vera sfida li attende fuori. È a questo che dobbiamo prepararli, prima di ogni cosa.

Come accettare anche la fragilità e il fallimento che in qualche modo caratterizzano sempre la relazione educativa?

All’inizio quasi sempre i ragazzi ti usano. Ma ho capito che è necessario anche lasciarsi sfruttare e tradire. Ognuno di noi adulti ha il suo equilibrio, i suoi affetti. Nella nostra libertà possiamo tollerare quel tradimento, senza averne paura. Penso alla storia di Monsef e Tarik, due ragazzi accolti nella mia comunità che hanno scelto di partire per la Siria e diventare jihadisti. Io non ho potuto impedire la loro scelta, ma spero che in loro qualcosa sia comunque rimasto. Potevo vivere come un tradimento la loro partenza, ma so che il nostro rapporto è stato comunque vero e questo nessuno potrà togliercelo. Spesso più che una guerra di religione o una difficoltà di integrazione, il vero problema di questi ragazzi è l’identità. Non hanno chiaro chi sono e cercano risposte forti, è importante invece scegliere le persone giuste con cui stare, di cui fidarsi. Io credo che in fondo il momento in cui siamo più fragili e in cui veniamo traditi è il momento in cui davvero certifichiamo il nostro amore.
Continua a leggere

Annunci

Fiore, quando l’amore nasce in carcere

Fiore

“Sally è già stata punita, per ogni sua distrazione o debolezza…”

Sono le note che Daphne ascolta dal suo tanto agognato mp3 tra le pareti del carcere, e che sembrano addirsi perfettamente alla sua storia.

Una storia che racconta, appunto, di errori e pene da scontare. Una storia di solitudine e diffidenza. Ma anche una storia d’amore: nata tra sbarre e bolle di sapone, tra messaggi clandestini e sguardi timidi.

È la storia di “Fiore”, l’ultimo intenso film di Claudio Giovannesi, che già aveva raccontato storie di adolescenti difficili in: “Alì ha gli occhi azzurri”.

Il film è nato nel carcere minorile di Casal del Marmo a Roma ed è particolarmente realistico, privo di orpelli, a partire dalla scelta degli attori: eccezione fatta per Valerio Mastandrea (che ancora una volta regala una credibile e intensa interpretazione), i due protagonisti e la maggior parte degli attori non sono professionisti.

“Daphne” nella vita di tutti i giorni lavora come cameriera, “Josh” ha vissuto sulla sua pelle l’esperienza del carcere.

Guardando questo film e, qualche giorno fa, un altro recente successo italiano di Paolo Virzì, “La pazza gioia”, non posso fare a meno di riflettere.

Innanzitutto sul cinema italiano, sulla capacità di raccontare storie e su una linfa vitale che – malgrado tutto – non credo affatto spenta.

E poi, entrambi i film, mi portano a riflettere sulle professioni di aiuto in ambito sociale. Sia i due giovani protagonisti di Giovannesi che le due attrici che interpretano il ruolo di giovani donne affette da disturbi mentali nella pellicola di Virzì (Micaela Ramazzotti e Valeria Bruna Tedeschi), sono personaggi che rompono gli schemi.

Ci mostrano in maniera dolorosa e a al tempo stesso tenera e un po’buffa i limiti di sistemi che rischiano di essere troppo regolamentati e rigidi o comunque incapaci di guardare alla persona nella ricchezza e complessità della sua storia.

Nel punto più basso delle loro vite, tra le mura di un carcere, Daphne e Josh imparano l’amore. Fuggendo dalla comunità di recupero in cui sono accolte, Beatrice e Donatella scoprono la solidarietà e l’amicizia.

 “Il compito educativo è sempre più una sfida che non permette di rallentare il passo del tuo sapere e che impone cambiamenti atti a formare un umanesimo creativo, bello, resistente alle fragilità del nostro tempo”, scrive don Claudio Burgio, cappellano al carcere Beccaria di Milano, che di “Josh” ne incontra e ne accoglie tanti ogni giorno.

Il nostro agire educativo è spesso caratterizzato da infinite e difficili discussioni sulle regole, sulle forme di contenimento, sugli insegnamenti da trasmettere. Ma anche un film può ricordare che oltre a tutto questo e, sicuramente molto prima, è necessario mettersi in ascolto. Perché il rischio è quello che le regole siano più utili a noi invece che a chi educhiamo, se le riduciamo a un’esperienza arida e fine a se stessa.

Il blog di Don Claudio Burgio

“Mi sono convinto, tuttavia, che sono almeno due i motivi per cui vale la pena dedicare tutto me stesso ai voi ragazzi: primo, perché credo in ognuno di voi; secondo, perché credo in Dio.”

Anche oggi segnalo volentieri un blog speciale dedicato all’educazione. E’curato da Don Claudio Burgio, sacerdote milanese. Don Claudio è Presidente dell’Associazione “Kairos” che dal 2000  gestisce comunità di accoglienza per minori e servizi educativi  per adolescenti e collabora con Don Gino Rigoldi come cappellano all’Istituto Penale Minorile Beccaria di Milano. E’ autore di un libro nel quale mi sono ritrovata al 100%, “Non esistono ragazzi cattivi” (Paoline 2010), e che due anni fa proprio in questo periodo abbiamo avuto la fortuna di presentare in un incontro a Rimini alla Fondazione San Giuseppe.

Tra le sezioni del blog la mia preferita è la “Lettera ai ragazzi” che Don Claudio ha dedicato proprio ai giovani di cui si occupa. Belle anche le sezioni interattive che prevedono il contributo diretto dei ragazzi e i video delle puntate di “Kestoria” con i ragazzi dell’Associazione Kairos.

Ecco il link: http://donclaudioburgio.blogspot.it/

Educatori e non…buona lettura!

Immagine