“Come se fosse facile” e scuole democratiche

DSCN8540È andata in onda lo scorso 14 aprile la quarta puntata di “Come se fosse facile”, la rubrica di Icaro TV (canale 91 digitale terrestre) dedicata a tematiche sociali, condotta da Stefano Rossini. Dopo un primo approfondimento sul tema dell’affido e dei neomaggiorenni “fuori famiglia”, un secondo appuntamento dedicato all’immigrazione e alle storie di rifugiati e richiedenti asilo e una terza puntata su lavoro, inclusione sociale e disabilità, si è scelto di approfondire il tema della scuola, a partire da alcune esperienze particolarmente interessanti e innovative.
Ospiti in studio Sara Savoretti, coordinatrice Area Infanzia della Cooperativa sociale “Il Millepiedi”; Antonella Guidi, insegnante della scuola democratica riminese Anchesepiove; Renzo Laporta dell’Associazione “Lucertola Ludens” di Ravenna; Daniela Pesaresi, psicologa e psicoterapeuta; e, direttamente dal Regno Unito, Michael Newman, insegnante della scuola democratica “Sumerhill”.

Per saperne di più: http://www.newsrimini.it/2016/05/scuole-democratiche-in-tv/

Qui la puntata integrale

(Ph. Silvia Sanchini)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Conta solo chi conta?

svegliatitalia-in-centinaia-in-piazza-a-bari-we-are-the-family-video--1453627764Come accade con ogni manifestazione di piazza che si rispetti, anche dopo #Svegliatitalia e #FamilyDay è cominciato il balletto delle cifre. Mi chiedo: a che pro? La rilevanza numerica conferisce minor o maggiore valore a un’idea? Non entro nel merito politico, anche se un paio di riflessioni voglio farle. Sono convinta che sia il momento per l’Italia, al pari di qualsiasi altro Paese civile, di arrivare ad un riconoscimento dei diritti delle coppie omosessuali, è un gesto di civiltà che non possiamo più rimandare. D’altra parte capisco alcune preoccupazioni del mondo cattolico rispetto al Ddl Cirinnà e condivido che ci siano aspetti della proposta di legge controversi, che meriterebbero una più approfondita riflessione.

Detto questo, torniamo all’ossessione per i numeri. Se da una parte e dall’altra la principale preoccupazione è quella di contarsi e dimostrare di essere una fantomatica maggioranza del Paese rappresentandone gli umori e i desideri, è chiaro che non sono più le idee per le quali stiamo manifestando ad avere un ruolo primario. Tutto appare invece solo ed esclusivamente parte di un gioco di forza e mostra un’assoluta incapacità di incontrarsi, ascoltarsi e dialogare. Non a caso i linguaggi utilizzati sono quelli della delegittimazione reciproca, non della mediazione o del confronto.

family-day-5

Nel suo decalogo “Per imparare la democrazia” (che invito tutti a rileggere), Gustavo Zagrebelsky sottolineava la coscienza della maggioranza e la coscienza della minoranza quali aspetti irrinunciabili di una vera democrazia: “Non esiste nessuna ragione per sostenere, in generale, che i più vedano meglio, siano più vicini alla verità dei meno”. La diversità va riconosciuta come ricchezza e valorizzata per costruire il bene di tutti.

Continua a leggere

Outdoor education: tra desiderio e realtà

DSCN9163La dimensione del gioco all’aria aperta quanto e come è presente nei nostri interventi educativi? Qual è lo scarto tra desiderio e realtà rispetto alle opportunità di outdoor education da offrire ai più piccoli? Come promuovere esperienze di gioco e socialità all’aperto in contesti urbani dove l’educazione è sempre più programmata in spazi chiusi?

A queste e altre domande è stato dedicato l’incontro promosso lo scorso 8 Settembre nella Sala Polivalente dell’Area Verde di Casa Macanno dal titolo: “Outdoor Education. Tra realtà e desiderio l’importanza del gioco all’aria aperta in Italia e all’estero”.

Un incontro promosso dalla Cooperativa sociale Il Millepiedi in collaborazione con l’Università degli Studi di Bologna e l’Associazione Lucertola Ludens. In particolare promotrice dell’incontro è stata l’equipe educativa della scuola democratica per l’infanzia “Anche se piove…”, una scuola avviata a Rimini lo scorso anno con uno stile educativo che si basa su cinque principi fondamentali: pedagogia non direttiva, approccio al metodo montessoriano, pedagogia della lumaca (Gianfranco Zavalloni), comunicazione non violenta e, appunto, outdoor education.

Continua a leggere su Riminisocial

DSCN9197

Gli occhi di Omar continuano a brillare

Terza puntata del blog “Maggiorenni si diventa” su Punto Famiglia. Ho scelto di dare voce a Karima, una giovanissima mamma tunisina che ha trovato in una comunità per madri e bambini un posto sicuro dove crescere il suo Omar. Nonostante le difficoltà del passato, Karima non smette di sognare per il futuro.

KarimaOmar è tutta la mia vita, il mio mondo, il mio amore. Ha 4 anni e, anche se lo sto crescendo in una comunità per mamma e bambino, penso di essere una brava mamma.
Credo soprattutto di aver fatto la scelta giusta quando ho deciso di farmi aiutare, anche se in quel momento mi sentivo una fallita. Mio marito mi aveva lasciata, non voleva più saperne di me. In fondo avevamo solo 18 anni quando ci siamo sposati, 19 anni quando è nato Omar. Tutto è accaduto troppo in fretta.

Continua a leggere

Il tuo 5×1000 alla Fondazione San Giuseppe

ImmagineDONA IL TUO 5X1000 ALLA FONDAZIONE SAN GIUSEPPE
Non costa nulla, ed è un’importante scelta di solidarietà.I bambini, il nostro futuro.
Noi ci prendiamo cura di loro da oltre un secolo.
A te basta un attimo per aiutarli.

Firma e inserisci nella dichiarazione dei redditi il codice fiscale della Fondazione: 82 00 20 10 401

Utilizziamo i proventi del 5×1000 in maniera responsabile e trasparente rendicontandoli ogni anno nel nostro Bilancio sociale, secondo i principi che da più di cento anni animano la Fondazione San Giuseppe ONLUS.

 

Namastè, un ponte tra l’Italia e l’India attraverso l’Adozione a distanza

1473071_182485308622336_55576864_n“Namastè – Onore a te” è una ONLUS nata nel 1996 a San Lazzaro (Bologna) per sostenere bambini e ragazzi in condizioni di estrema povertà a vivere e studiare nel proprio paese d’origine, l’India (e recentemente anche Moldova e Nepal), in dignità. Sono oltre 1.000 i bambini accompagnati tramite le “Adozioni a distanza” ma attraverso altri progetti l’associazione sostiene anche anziani, asili nido, centri studi e interi villaggi. Da qualche anno l’associazione ha sede anche a Rimini e, ad oggi, “Gli amici di Rimini & C.” hanno realizzato 58 adozioni distanza.
Una delle prerogative di “Namastè” è quella che i soci seguano costantemente l’andamento dei progetti con i propri volontari che si recano frequentemente sul posto. E’ il caso di Gabriele Burnazzi, vicepresidente dell’Associazione e referente del gruppo “Gli amici di Rimini & C.”, che nella vita, di mestiere, ha sempre fatto tutt’altro (è stato fino a qualche mese fa amministratore unico di Rimini Holding) ma da tanti anni di “Namastè” è l’anima instancabile, insieme alla moglie Antonella e agli altri amici e volontari. Lo scorso 4 Dicembre più di 150 persone si sono ritrovate alla Parrocchia del Crocifisso per essere aggiornate sull’andamento dei progetti dell’associazione e sostenerla, quest’anno anche grazie per la prima volta al supporto degli universitari dell’Associazione Slash. Abbiamo intervistato proprio in quell’occasione per Rimini Social Gabriele Burnazzi per conoscere meglio la realtà di “Namastè”.

Come hai conosciuto “Namastè”?
L’incontro è sempre casuale e non sai come evolverà la situazione; un po’ come quando uno si innamora e ci si sposa … l’importante, come sempre, è dire “si”.
Ho conosciuto Namastè tramite un amico che mi ha invitato ad un incontro. Ho adottato allora un ragazzino, di nome Fredy, ho aiutato la sua famiglia e poi, otto anni fa, ho deciso di partire. Volevo controllare sul posto la situazione. E lì ho riscontrato che il tetto di casa sua era stato rifatto, che il ragazzino studiava e, caso abbastanza singolare, giocava bene a calcio. Due anni fa mi è venuto a prendere in Kerala in sella ad una motocicletta… mi ha spiegato che era diventato il goleador della nazionale del Tamil Nadu, non percepiva compensi per l’attività sportiva ma era stato assunto dalle Ferrovie dello Stato del Tamil Nadu. L’anno scorso ha sposato una bellissima ragazza, Tina; ha fatto di tutto affinché fossi presente a casa sua “prima” del matrimonio in chiesa (una chiesa sulle sponde dell’Oceano Indiano) affinché, insieme ai familiari e alla comunità lo “benedicessi”. Ora Tina attende un bimbo e li incontrerò nei prossimi giorni.
Ma ciò che ha dato una svolta alla mia vita è stato proprio ciò che è accaduto nel primo viaggio nel corso delle visite ai bambini. Sunilkumar, un ragazzo indiano, si era offerto di raccogliere per noi delle noci di cocco ed era caduto dall’albero dall’altezza di circa 15 metri, una caduta rovinosa che lo aveva lasciato più morto che vivo. Abbiamo cercato di capire chi fosse e abbiamo scoperto che aveva già due figlie, aveva lasciato la moglie precedente e si era accompagnato con una vedova con 4 figli, dalla quale aveva avuto un ulteriore figlio. Viveva guidando un taxi-risciò che aveva preso a noleggio… quattro dei figli della vedova erano in orfanotrofio. In ospedale l’hanno salvato, abbiano finanziato tutte le cure per rimetterlo in piedi, abbiamo fatto tornare a casa i bambini in orfanotrofio e li abbiamo adottati, abbiamo assunto la vedova come cuoca in uno dei nostri asili. L’avevamo salvato e i bimbi adottati erano cresciuti repentinamente.

Continua a leggere