“Un dono lungo un mese” – Agevolando Onlus

Eticarim

Ci siamo lasciati contagiare dall’energia e dall’entusiasmo dei nostri ragazzi, chiave vincente anche per coinvolgere un pubblico giovane di donatori

L’Associazione Agevolando nasce nel 2010 per promuovere il benessere e la partecipazione di tutti quei ragazzi che crescono “fuori famiglia” (in comunità, affido o casa-famiglia) e che al compimento della maggiore età si trovano improvvisamente privi di sostegno e di tutela.

Troppo grandi per ricevere aiuto, troppo giovani per affrontare da soli il mondo adulto. E per molti di loro compiere 18 anni non è affatto una festa.

Nel 2012 con un gruppo di volontari adulti e di ragazzi, dopo aver conosciuto il presidente nazionale di Agevolando, decidiamo di fondare una sede dell’associazione anche a Rimini, sviluppando una serie di iniziative e progetti. Tra questi la nostra sede di Rimini, prima in Italia, dà vita a “Se potessi”, uno sportello informativo e di accompagnamento all’autonomia per tutti i giovani care…

View original post 529 altre parole

Jerreh, fuggito dal Gambia, ha imparato a leggere e ha scritto un libro per aiutare i ragazzi come lui

jerreh-642x336

Mi chiamo Jerreh, ho 19 anni e da quasi tre vivo in Italia. Ecco alcune cose che ho scoperto in questo strano e bellissimo paese. Innanzitutto ho scoperto che quando in Italia ti danno un appuntamento e ti chiedono di essere puntuale…non è un modo di dire! Se l’appuntamento, per esempio, è alle 10 le persone si aspetteranno davvero che tu arrivi per le 10.

Seconda scoperta: in Italia si mangia la pasta, ogni giorno! Il secondo giorno che mi trovavo in Italia ho mangiato un piatto di spaghetti al pesto: era la prima volta che li mangiavo e non mi sembravano per niente buoni, ma li ho mangiati tutti perché erano stati così gentili a prepararli per me.

In questo paese, infatti, esistono dei posti, delle vere e proprie case, in cui i ragazzi minorenni che arrivano in Italia da soli possono essere accolti. In queste case ci sono degli educatori e, a volte, dei volontari. C’è anche un assistente sociale, che incontri ogni tanto e che ti dà dei consigli su cosa fare.

Io in comunità a Parma ho incontrato Vanessa, la mia educatrice, che oggi è anche un’amica e la persona di cui mi fido di più. E ho conosciuto Roberto, il mio “secondo papà”, è stato lui a insegnarmi a leggere e a scrivere e a invitarmi a raccontare la mia storia in un libro.

Continua a leggere su Punto Famiglia

Ethicjobs, lavorare bene per vivere meglio

ethicjobsLuca Carrai ha solo 27 anni ma idee chiare e ambiziose: cambiare il mondo un poco alla volta, attraverso pratiche e scelte quotidiane. Nato in Toscana a Castiglione della Pescaia, dopo una laurea in Lettere e Filosofia a Firenze, approda a Rimini per studiare Economia, in particolare la Laurea Magistrale in Tourism Economics and Management. Si innamora di questa città e la sua passione lo porta, ancora una volta, a impegnarsi concretamente per fare qualcosa di innovativo e importante. Decide di mettere radici in Romagna e, insieme a un gruppo di amici, fonda l’associazione universitaria “Slash”.

Ma questo non basta: la sua idea è quella di fare incontrare business ed etica come dimensioni non contrapposte, ma complementari. Così, quasi per caso, nasce l’idea di “Ethicjobs”, un progetto che sin da subito riscuote successo e attenzione da parte di tanti e che sta muovendo i suoi primi passi. Facciamo qualche domanda a Luca per saperne qualcosa di più.

Come nasce l’intuizione di “Ethicjobs” e quali sono i punti di forza di questo progetto?

È stato calcolato che ogni persona passa nella vita circa 109.800 ore lavorando per un totale di 14.600 giorni. In pratica dedichiamo al lavoro il 15% della nostra esistenza. Un aspetto così importante, non può allora essere dato per scontato. Da qui l’intuizione di fare qualcosa perché le ore spese al lavoro possano essere sempre più un tempo di qualità.

Ethicjobs è un progetto che nasce con l’idea di premiare ed elevare la qualità del lavoro in Italia (anche) attraverso una piattaforma che darà visibilità e certificherà le aziende che offriranno i migliori standard di qualità lavorativa. Un processo bottom-up, in cui saranno gli stessi dipendenti dell’azienda a certificare le proprie condizioni lavorative contribuendo a delineare un quadro delle migliori imprese italiane. La logica è un po’quella di “Trip Advisor” ma applicata al mondo del lavoro e con scopi totalmente diversi.

Attualmente mi sento di dire che il progetto ha quattro fondamentali punti di forza: un’idea vincente e innovativa, un team di tredici persone variegato ma unito da forte motivazione ed entusiasmo, partnership strategiche e un buon numero di finanziamenti già ottenuti.

Per noi è fondamentale che il progetto abbia una ricaduta territoriale forte: vogliamo migliorare Rimini, la città in cui viviamo mettendo al centro una visione etica del lavoro. E vogliamo che l’esperienza riminese sia poi d’esempio per altri comuni.

Continua a leggere su Rimini Social