I PROBLEMI E I PENSIERI DEI GIOVANI MUSULMANI

11160426_10206530708729535_694231516_nHanno tra i 17 e i 26 anni. Qualcuno studia, altri lavorano. Sono nati in Italia, in Marocco, in Macedonia. In comune hanno una cosa: la fede nell’Islam. Ecco perché, nel Dicembre 2013, hanno dato vita anche a Rimini ad una sezione GMI (Giovani Musulmani Italiani), un’associazione di promozione giovanile nata a Milano dall’idea di un gruppo di giovani musulmani di seconda generazione.

Si chiamano Halima, Michele, Khairiyyah, Omaima, Chady, Rim, Habib, Tarik, Mohamed, Reda e Yassin. Si incontrano insieme ad altri ragazzi una volta a settimana al Centro Giovani “RM25”, dove si svolge anche la nostra intervista. Che più che una vera e propria intervista è una chiacchierata corale, un confronto interessante e stimolante, congiovani dal cuore grande e dall’intelligenza vivace.

Yassin, marocchino, è stato il primo studente straniero di Chimica industriale del Campus di Rimini. È lui, insieme ad altri ragazzi, ad avere l’intuizione di creare un gruppo di giovani musulmani anche a Rimini e ha iniziato a cercare contatti tramite la creazione di un gruppo Facebook.

Mohamed, che ha 23 anni, con Omaima e Khairiyyah ha dato vita ufficialmente all’associazione e ne è diventato Presidente. Ci racconta: “Nei nostri incontri approfondiamo lo studio del Corano e i principi dell’Islam, preghiamo insieme, siamo un gruppo di amici. I nostri valori fondamentali sono famiglia, fede ed educazione. Ma non solo. In questo anno e mezzo di attività abbiamo cercato di farci conoscere, aprirci alla città. Per questo abbiamo partecipato ad eventi pubblici come il Festival Interazioni, al Mese per le Famiglie, alla Giornata Mondiale contro il Razzismo, abbiamo organizzato una cena di solidarietà per Gaza. Da qualche settimana organizziamo anche corsi di arabo con alcuni volontari. Queste sono attività per farci conoscere, ma non solo. Abbiamo capito che è necessario aprirci agli altri, per superare pregiudizi e paure. Nella provincia di Rimini ci sono 8 centri di cultura islamica: vogliamo essere di sostegno alla comunità”.

“Si parla moltissimo dei musulmani, ma mai con i musulmani” – aggiunge Omaima, dagli occhi grandi e il sorriso gentile, nata in Italia da una famiglia marocchina, ha 18 anni e frequenta l’Istituto Economico Turistico di Morciano. È diventata tristemente famosa lo scorso anno perché, a causa del velo, un albergo ha rifiutato di offrirle ospitalità per svolgere il tirocinio formativo previsto dalla sua scuola. “Per le ragazze che scelgono di indossare il velo trovare lavoro è ancora difficile. È una paura irrazionale, che nasce da una mancanza di conoscenza. Per questo l’anno scorso in piazza Cavour in occasione di Interazioni abbiamo lanciato una provocazione: “Vi sveliamo il velo”, uno stand dove provare ad indossare il velo e ad informarsi su questa usanza. Abbiamo ricevuto tantissime domande, lo stand ha suscitato interesse e curiosità e ci ha fatto molto piacere”.

Inevitabile affrontare con i ragazzi il tema del terrorismo, sui loro volti rabbia e senso di impotenza quando si toccano questi argomenti che li coinvolgono loro malgrado. “Passiamo la vita a doverci giustificare e dissociare” – spiega, ancora, Omaima – “ed è terribile. Il terrorismo non ha niente a che fare con la nostra religione. Perché devo prendere le distanze da qualcosa che è anni luce lontano da ma e dalla mia fede? Terrorismo è anche incitare al terrore come, purtroppo, molti mezzi di comunicazione stanno facendo utilizzando un linguaggio violento, infarcito di pregiudizi, che attacca l’Islam come se tutti noi musulmani fossimo responsabili delle tragedie che avvengono nel mondo. La strada da percorrere è invece, secondo noi, quella della cooperazione e della non violenza”.

Aggiunge Khairiyyah, che ha 21 anni e studia Beni Culturali ad Urbino, di origine somala sogna un giorno di visitare il Paese in cui sua madre è nata: “Dopo la strage di Charlie Hebdo, l’associazione universitaria Slash ci ha invitati ad intervenire ad un dibattito all’interno dell’Università. Siamo stati molto grati all’Associazione e per noi è stata un’occasione molto importante per fare ascoltare il nostro punto di vista. Pensiamo che momenti come questi siano fondamentali. Di una cosa sono fermamente convinta: sono molto più le cose che ci accomunano, di quelle che ci dividono. Cristiani, ebrei e musulmani dovrebbero ricordarsene per camminare insieme. Io studio arte e mi vengono in mente i tanti meravigliosi mosaici del Sud Italia dove si intrecciano le tradizioni di popoli diversi (normanni, arabi, …). Come in un mosaico dobbiamo costruire qualcosa di bello insieme, non distruggerci reciprocamente guardando solo alle differenze”.

È triste pensare alle difficoltà con cui questi ragazzi devono confrontarsi, ancora giovanissimi. Nonostante siano cittadini italiani a tutti gli effetti c’è chi ancora pensa che dovrebbero tornarsene a casa loro o, più semplicemente, si stupisce perché parlano bene l’italiano e riescono brillantemente negli studi. Se poi gli chiedi cosa pensano, ad esempio, dei cristiani non hanno nessun dubbio: “Non negheremmo mai la presenza del crocifisso nelle scuole o del presepe a Natale. Per noi la religione è un aspetto fondante della nostra vita e non ci sogneremmo mai di chiedere ad altri di rinunciarvi”.

11159955_1038624892832770_8795679428530040838_n

Per fortuna sono tante anche le esperienze positive che i ragazzi desiderano raccontare: Chady a scuola racconta di essersi sempre perfettamente integrato, si è sentito compreso e rispettato. Tarik descrive la città di Rimini come accogliente e ospitale.

Ma, soprattutto, hanno tutti molta fiducia nel futuro, nelle nuove generazioni. Sono convinti che ci vorrà del tempo, ma che le cose potranno cambiare, anche grazie all’impegno dei più giovani.

Di certo gli scenari della politica internazionale sono talmente complessi da non potersi risolvere in queste riflessioni. Ma qualche passo possiamo farlo.

E vi assicuro che basta avvicinarsi a questi ragazzi, conoscerli, ascoltarli, osservarli per capire che la strada della tolleranza e della solidarietà ha un solco ben tracciato.

Ed è una strada dove nessuno rinuncia a qualcosa di sé ma, al contrario, ci guadagna.

Silvia Sanchini

In: http://www.newsrimini.it/2015/05/i-problemi-e-i-pensieri-dei-giovani-musulmani-italiani/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...