La storia di Mohammed, il mio augurio di buona Pasqua

Una storia di dolore e resurrezione. E’la storia che mi piace raccontarvi e condividere con voi per augurarvi davvero una gioiosissima e Santa Pasqua!

Il fondo per il lavoro…al lavoro. La storia di Mohammed.

immigrati_lavoro.jpgImmaginate di trovarvi in un paese che non è il vostro, senza conoscere la lingua, i vostri cari lontani. È la storia di tanti ragazzi giovanissimi che, soli, raggiungono l’Italia con un unico grande obiettivo: trovare lavoro e aiutare la propria famiglia. È la storia di Mohammed (nome di fantasia, ndr), che quando è arrivato a Rimini dopo un viaggio rocambolesco era ancora minorenne e aveva una storia dolorosissima, ma aveva anche le idee molto chiare sul da farsi. Il suo percorso ha avuto molti intoppi, molte battute d’arresto.
Non trovare lavoro, essere rifiutato da alcune aziende, il pensiero della propria famiglia in Africa sempre più in difficoltà, ha dilaniato Mohammed per settimane.
Pensieri che si rincorrevano incessanti, paura di aver sbagliato tutto.
Ma anche una certezza che regalava qualche speranza: aver trovato persone che si prendevano cura di lui, che gli volevano bene, di cui poteva fidarsi.
È stato davvero, il caso di dirlo, un lavoro di rete ben fatto.

La presa in carico del Comune di Rimini attraverso il progetto Emergenza Nord Africa (ENA) in particolare grazie a Patrizia Fiori, referente del comune per le politiche di immigrazione. L’accoglienza in un gruppo appartamento della Fondazione San Giuseppe per l’Aiuto Materno e Infantile ONLUS e un’equipe di educatori qualificata e motivata per sostenerlo e accompagnarlo. La formazione professionale con l’iscrizione a un corso della Fondazione Enaip S. Zavatta che gli ha offerto strumenti e competenze.
Qualche intoppo, come dicevamo, e quella frase sentita ripetere troppo spesso: “Sei davvero bravo…ma in questo momento non possiamo assumerti”.
Poi un’idea vincente che ha preso gradualmente piede nella nostra città: un Fondo per il Lavoro, promosso dalla Diocesi di Rimini e dalla Caritas, attraverso l’Associazione Madonna della Carità.

Un fondo con una duplice attività: creare posti di lavoro e incentivare economicamente l’avvio di nuove attività lavorative.
A partire da una considerazione di fondo: dare lavoro significa ridare dignità. Un lavoro di matching tra il territorio e l’impresa, la costituzione di un comitato etico a fungere da garante, la copertura parziale delle spese fiscali per l’azienda che assume persone segnalate dal Fondo. Per Mohammed finalmente una proposta di lavoro, un’azienda pronta ad inserirlo.

Di questi tempi, in un momento così complesso, sembra quasi un piccolo miracolo. Ognuno ha avuto un ruolo in questa impresa: le istituzioni, gli operatori, le associazioni, l’azienda che lo ha assunto. Ma il ruolo da protagonista, naturalmente, è quello di Mohammed, che ora ha la possibilità di giocarsi in tutto e per tutto in questa nuova avventura lavorativa.
A lui il nostro in bocca al lupo più grande. E un grazie sincero a tutti coloro che hanno reso possibile questo lieto fine, in particolare all’impresa che ha assunto Mohammed. E l’augurio e l’auspicio che tante altre storie come questa possano ancora essere scritte.

Silvia Sanchini

Il Fondo per il Lavoro in breve
www.fondoperillavoro.it
Il Fondo per il lavoro è un patto di solidarietà per la dignità di ogni persona. L’invito a contribuire al Fondo per il Lavoro è rivolto a tutti. Ciascuno può fare la propria parte, ogni libero cittadino, secondo le proprie possibilità. I lavoratori, le attività imprenditoriali artigiane, industriali, del commercio e del terziario, le associazioni, le parrocchie, le istituzioni pubbliche e private, le banche, le associazioni di categoria e ogni persona di buona volontà.
Tutte le persone impegnate nel Fondo, daranno la propria disponibilità a titolo gratuito. I contributi pervenuti, saranno quindi totalmente impiegati per le finalità del Fondo.

Contribuisci anche tu al Fondo per il Lavoro, dona su internet attraverso PayPal oppure con un bonifico alle coordinate:
Associazione di Volontariato Madonna della Carità
IBAN IT 87 Y 06285 24206 CC0068074294
Banca CARIM – Filiale di S. Giuliano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...